Migrazione

La migrazione dei dati: il valore aggiunto per aumentare l’efficienza della tua azienda

Se sei il proprietario di una realtà aziendale che necessita di un aggiornamento informatico importante, ed al contempo nutri la necessità di trasferire un’importante mole di dati, ti sarà assolutamente necessario affidarti a dei professionisti di questo particolare settore Web.

Noi di Perrone Web Agency siamo qui per guidarti in questa procedura, e per permetterti di comprendere quanto la migrazioni dei dati sia un processo delicato che necessità di approfondite conoscenze informatiche per non commettere errori che potrebbero compromettere irrimediabilmente i file necessari alla tua azienda, e per spiegarti nello specifico come si effettua questa operazione.

Innanzitutto andiamo a vedere cosa si intende per migrazione dei dati.

La cosiddetta “migrazione” dei dati è una procedura di movimentazione delle informazioni che avviene tra posizioni, formati oppure tra applicazioni differenti. Spesso è associata all’inserimento di un sistema nuovo, o di un diverso posizionamento per i dati. Sempre più frequentemente queste migrazioni di dati vengono richieste dalle aziende che decidono di passare da archivi conservati all’interno delle stesse a sistemi basati su cloud. In questo modo, queste ultime saranno in grado di ottimizzare le attività effettuate dalla ditta nel modo più tecnologico e sicuro possibile.

Per quale motivo la migrazione va affidata a dei professionisti

Uno degli aspetti che rende tale procedura complicata, ed a volte rischiosa, è da attribuirsi al concetto di “Data Gravity”. Con questo termine, ci si riferisce ad una metafora che ci spiega in modo efficace come i dati presenti nel cosiddetto IT ne attirino a loro volta altri; come questi vengano integrati in una ditta; in che modo questi ultimi vengano modificati e personalizzati nel corso del tempo.

Per trasferire app e relativi dati in collocazioni che offrano un migliore vantaggio è consigliato di “slegare” questi dati per poter superare il Data Gravity. Quando una realtà imprenditoriale decide di intraprendere un progetto di questo genere, è possibile sin da subito ottimizzare la gestione delle informazioni, rendere possibile la “mobilità” delle app ed avere un miglioramento per quanto riguarda la gestione dei dati stessi.

La problematica più comune deriva dal fatto che ogni app rende più difficile la gestione delle informazioni poiché introduce componenti della “logica applicativa” nel livello di elaborazione dei dati, ed ognuno di questi livelli è per così dire “indifferente” ad un nuovo utilizzo delle informazioni.

Dato il livello di difficoltà di tali procedure, è necessario affidarsi ad aziende specializzate nel settore informatico, come ad esempio la nostra Perrone Web Agency, per effettuare in totale sicurezza tale processo di migrazione.

Tipologie di migrazione dati

Senza dubbio sono presenti all’appello tantissimi vantaggi per un’azienda che decide di aggiornare i propri sistemi. Per tantissime realtà questo aggiornamento rappresenta un naturale sviluppo.

Esistono però vari tipi di migrazione, che determinano la quantità di tempo necessario affinché il processo venga completato.

Una tipologia può essere nominata come “migrazione dello storage”. Si tratta di un trasferimento delle informazioni dagli array pre-esistenti in altri più all’avanguardia che permettono ad altri sistemi di avene completo accesso. Questo sistema regala prestazioni nettamente più rapide, permettendo inoltre di offrire un’ottimale gestione delle informazioni.

Un altra tipologia di migrazione è rappresentata dal trasferimento dell’intero cloud verso un altro. Questo sistema spesso ha bisogno di essere accompagnato dalla migrazione dello storage di cui abbiamo parlato poc’anzi.

L’ultima opzione è rappresentata invece dallo spostamento delle app. L’operazione di migrazione di un’applicazione da un determinato ambiente ad uno nuovo può comportare il trasferimento dell’app nella sua interezza da un sistema on-premise ad un sistema basato su cloud.

Come viene pianificato lo spostamento dei dati

Possiamo affermare che tale processo comprenda sostanzialmente tre operazioni fondamentali.

Tali passaggi possono essere identificati come una preliminare estrazione dei dati soggetti a spostamento; la loro trasformazione; e infine il caricamento di questi nel nuovo ambiente o sistema.

Per effettuare correttamente tale processo è necessario prestare attenzione ad ulteriori fattori che determineranno la riuscita della migrazione.

Innanzitutto è consono controllare che i dati siano stabili, dopodiché verrà valutata la qualità di queste informazioni nei momenti precedenti e successivi a tale spostamento.

Per finire sarà necessario verificare che le informazioni spostate siano adeguate all’utilizzo aziendale ed eliminare definitivamente i precedenti sistemi utilizzati.

La migrazione dei dati per la produttività della tua impresa

In sostanza, possiamo affermare che per aziende come la tua pianificare una buona strategia di migrazione dei dati è fondamentale per ottimizzare le prestazioni e la produttività a livello globale. Prima di tutto, è essenziale che il programma che si sceglie di utilizzare per espletare questo processo sia attendibile, di comprovata efficacia, e in grado di garantire un’esecuzione di alto livello. In tal modo, alla fine del processo di migrazione dei dati, si potrà contare su un database completo, coerente, privo di ridondanze e di lacune, più ordinato e semplice da gestire. Questo presupposto è fondamentale per la buona riuscita delle operazioni più complesse che vengono effettuate quotidianamente all’interno degli uffici aziendali, ed è quindi di primaria importanza scegliere accuratamente a chi rivolgersi per una migrazione di dati eseguita a regola d’arte. Noi di Perrone Web Agency siamo pronti ad aiutarti a fornirti tutti gli strumenti di cui hai bisogno per incrementare l’efficienza della tua attività, e metteremo a tua completa disposizione tutte le nostre conoscenze tecniche e le competenze che abbiamo maturato nel corso del nostro servizio.

Interessato?
Allora parliamo!